IL PROGETTO

DELLA FAMIGLIA SALANI

Nell’ immagine antecedente si rivela il rotolo di carta igienica originale in cui Renato Salani, scrisse il suo Diario in versi con una macchina da scrivere durante la prigionia nel campo di concentramento di Fossoli, durante la Seconda guerra mondiale.

Nello sfondo: uno spartito manoscritto originale del Maestro Euclide Salani, padre dei fratelli Renato e Giulio.

A fianco, le immagini delle loro esibizioni all’Hipocampo Night Club a Caracas, Venezuela: Renato suona il piano e la tastiera e Giulio suona il sax.

Sotto, un’immagine di quando erano prigionieri nel 1944 durante la Seconda guerra mondiale nel campo di concentramento di Fossoli (Carpi, Modena).

PER OLTRE SETTANTA ANNI LA ​​MIA FAMIGLIA HA MANTENUTO QUESTO ROTOLO COME UNA RELIQUIA.
Oggi finalmente questa “reliquia” viene portata alla luce.

l’autrice

Barbara Salani

Nata a Caracas, Venezuela, da una famiglia italiana di musicisti, Barbara ha conseguito il Diploma in Pianoforte presso La Escuela de Música Juan Manuel Olivares, sotto la guida della professoressa Gerty Haas. Successivamente, si è trasferita a Philadelphia, USA, dove si è laureata presso il Philadelphia College of the Performing Arts (attualmente University of the Arts), con la pianista americana Susan Starr.

Ha suonato come solista in diverse orchestre, tra cui la Orquesta Filarmónica de Caracas, la Orquesta Sinfónica de Maracaibo, la New England Youth Orchestra e la Symphony of the Americas, per cui attualmente lavora.

Ha partecipato a numerosi programmi radiofonici e televisivi. Si è esibita in Venezuela, Stati Uniti, Italia, Spagna, Francia e Grecia.

Dalla Galleria

SOCIETA’ ITALIANA DEGLI AUTORI ED EDITORI (S.I.A.E.)
Ufficio Multimedialità Mod. AMCS

CONTRATTO DI LICENZA PER L’UTILIZZAZIONE DELLE OPERE MUSICALI AMMINISTRATE DALLA SIAE QUALE COMPLEMENTO O SOTTOFONDO IN SITI WEB (AMCS)

Licenza SIAE n. 5972 / I / 6588